In offerta!
Gianfranco Montalto, L'Una e Cinque, Marco Andrioletti

Inno del congedo

1,20  - 9,79  IVA inclusa

Inno del congedo è un breve brano di Marco Andrioletti e Gianfranco Montalto di sole 29 battute con un alternanza di frasi, non sempre regolari, emotivamente ispirate da temi e inni nazionali.

Svuota

Note per l'acquisto

ATTENZIONE: Acquistando il formato PDF puoi acquistare una licenza d'uso strettamente personale in base al numero di Vocalist (da un minimo di 5) con grande risparmio rispetto al costo degli spartiti cartacei. PDF scaricabile subito dopo l'acquisto, no spese di spedizione. Scopri gli sconti quantità cliccando sul punto di domanda a fianco del prezzo.

Inno del congedo è un breve brano di Marco Andrioletti e Gianfranco Montalto di sole 29 battute con un alternanza di frasi, non sempre regolari, emotivamente ispirate da temi e inni nazionali. L’idea melodica nasce di getto dopo una richiesta amichevole ma ispiratrice, di scrivere un inno per festeggiare il congedo dal servizio civile di Gianfranco Montalto, tenore della formazione L’Una e Cinque. Inizialmente concepito come una melodia accompagnata, con un testo al confine tra il goliardico e il nostalgico, venne successivamente apprezzata da alcuni componenti del gruppo e si pensò di farne un brano polifonico da realizzare per voci a cappella per chiudere i concerti dell’ensamble vocale. Essendo il brano concepito per strumenti, si pensò di aggiungere uno scat omettendo quindi il testo inizialmente abbozzato. "Inno del Congedo" era uno dei brani in scaletta nel periodo in cui Giorgio Celestre era la voce di basso in L'Una e Cinque; dopo la sua scomparsa avvenuta nel 2009, il brano è stato inserito nell'ultima edizione dell'album "The Renaissance Project" (PL 6610), dedicata alla sua memoria. L’adattamento polifonico per soprano, contralto, tenore e basso ha alcuni momenti, soprattutto nelle battute finali, in cui la parte di contralto si sdoppia per potenziare l’impatto armonico della sezione conclusiva. Le battute d’introduzione iniziano con due misure in cui le voci di soprano e contralto entrano con un unisono (da intonare con particolare cura), dettato dalla natura strumentale del motivo, dove in pochi secondi si passa da un registro grave, soprattutto per il soprano, ad una tessitura media, che può rivelarsi impegnativa per il contralto. Superati questi "ostacoli" iniziali il proseguimento del brano non presenta difficoltà di sorta e il disegno melodico semplice e intuitivo suggerisce in maniera trasparente le esigenze espressive. Pur essendo concepito come un Inno, l’esecuzione non deve mai raggiungere punte estreme né nella scelta dinamica né in quella agogica. La parte centrale, nostalgica e melanconica, si può considerare il cuore del brano, il suo più intimo significato, che viene tuttavia abbandonato pudicamente e rapidamente per un finale fintamente solenne con l’aggiunta, volutamente un po’ forzata, di un ritmo di marcia di croma puntata e semicroma.

Informazioni aggiuntive

Anno

2010

Orchestrazione

A cappella

Autori/Interpreti/Arrangiatori

Gianfranco Montalto, L'Una e Cinque, Marco Andrioletti

Supporto

Partitura cartacea, Partitura PDF

Tipologia

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Inno del congedo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Video


it_ITItaliano
Condividi questo