In offerta!

Totantango

Per due Pianoforti (o Pianoforte a 4 mani) o per due Pianoforti (o Pianoforte a 4 mani) e Percussioni

14,99  - 37,99  IVA inclusa

Totantango è un’opera del compositore Mario Totario per due pianoforti (o pianoforte a 4 mani) e Percussioni, disponibile anche nella versione solo per due pianoforti (o pianoforte a 4 mani)

Svuota

Note per l'acquisto

Sono incluse le parti staccate della versione con Percussioni.

In Totantango la deformazione, l’ironia, il procedimento alchemico sono presenti già nel titolo, basato su un gioco di parole (“Totar” e “Toten”) che farebbe supporre una connotazione autobiografica e macabra al tempo stesso. La composizione si basa su due arrangiamenti (facenti parte di un vinile del 1968) di due celeberrimi tanghi, arrangiamenti che nulla hanno di genuinamente popolare e che anzi “usano” le forme appartenenti a questo repertorio come materiale da sfruttare a fini commerciali, contraffacendole secondo i dettami di un’estetica decisamente kitsch. Il senso di “Totantango” è proprio qui: la tesi è che reiterando e portando alle estreme conseguenze tali “atti di violenza” sul repertorio (non solo popolare) si giunga fatalmente alla sua morte e dissoluzione.A questo assunto corrispondono puntualmente, nel brano, una serie di procedimenti di progressiva “denatu- razione” del materiale musicale che divengono gradualmente sempre più automatici, meccanici, quasi a sim- boleggiare la crescente “disumanizzazione” del prodotto. All’inizio sembrano solo piccole, gratuite, divertenti deformazioni, ma a poco a poco ci si rende conto che proprio dallo sviluppo e dalla naturale proliferazione di tali “nei” nasce e si sviluppa il “cancro” che causerà la morte dell’organismo infetto. Le stesse funzioni tonali, già “aggredite” nella prima parte del lavoro, spariscono progressivamente nella seconda, dove gli accordi vengono sempre più interpretati come semplici aggregati di intervalli da manipolare secondo regole ferree ed implacabili. La proliferazione delle “cellule impazzite” conduce ben presto a un climax parossistico, cui fa seguito un’immane esplosione e quindi un lento, inesorabile dissolvimento; nell’ultima parte del brano il materiale dei due tanghi viene come triturato, centrifugato e disperso fino a giungere alla completa estinzione, al silen- zio, al nulla. Le citazioni presenti nel brano passano quasi inosservate (da Chopin a Rossini, da Rachmaninov al “liscio” romagnolo, fino alla scrittura donatoniana del finale) e nella loro eterogeneità sembrano alludere a una situazione nella quale i prodotti artistici, sempre più violentati da un sistema che segue prevalentemente leggi di mercato, finiscono col perdere totalmente la loro identità culturale.
Mario Totaro

Informazioni aggiuntive

Anno

2015

Autori/Interpreti/Arrangiatori

Mario Totaro

Orchestrazione

Due Pianoforti, Due Pianoforti e Percussioni, Percussioni, Pianoforte a 4 mani

Supporto

Partitura cartacea, Partitura PDF

Tipologia

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Totantango”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Video


it_ITItaliano
Condividi questo