Canon infinito (guitarras)

Per 5 chitarre

6,99  IVA incluido

Canone infinito forma parte de las Sette composizioni in contrappunto quadruplo para 5 guitarras de Antonio Eros Negri.

Canone infinito fa parte delle Sette composizioni in contrappunto quadruplo per chitarre che, assieme alle Composizioni in contrappunto quadruplo per archi e per clavicembali (o altri strumenti a tastiera) di Antonio Eros Negri, costituiscono una raccolta di brani ispirata a un particolare aspetto dell’arte contrappuntistica di Girolamo Frescobaldi e di Johann Sebastian Bach. Le composizioni, dal titolo che allude a vari generi strumentali del 1500 e del 1600, sebbene siano formalmente diverse fra loro, sono tutte realizzate in contrappunto quadruplo. La raccolta, in origine pensata per ogni sorta di strumenti, compare qui con diversi organici. I brani nella loro differente stesura rivelano sensibili varianti atte a valorizzare le peculiarità espressive e tecniche di ciascuno strumento e le specificità timbriche di ogni organico. Il contrappunto quadruplo è una tecnica compositiva complessa ed affascinante fondata sulla possibilità di costruire una forma musicale utilizzando quattro soggetti sovrapponibili. Bach scrisse il Canone a 4 dell’Offerta Musicale BWV 1079 utilizzando le valenze combinatorie di quattro soggetti e pare fosse intenzionato a concludere L’arte della fuga BWV 1080 – come sembra emergere dal suo necrologio – con una coppia di fughe quadruple per moto retto ed inverso; avrebbe in questo modo completato il magistrale disegno dell’opera, articolandolo in sei gruppi di quattro fughe. L’interesse dei compositori per il contrappunto quadruplo è testimoniato sin dall’inizio del 1600: Frescobaldi vi si cimentò nelle ultime tre fantasie della raccolta del 1608, in cui compaiono quattro gruppi di tre composizioni, rispettivamente a uno, due, tre e quattro soggetti. Fra gli esempi più recenti di contrappunto quadruplo si ricordino la bellissima fuga a 4 soggetti, quarto movimento del Quartetto per archi in Op. 20 n. 2 di Franz Joseph Haydn e l’ultimo movimento della Sinfonia n. 41 K. 551 «Jupiter» di Wolfgang Amadeus Mozart. Fra i contrappuntisti del Novecento interessati a questa tecnica contrappuntistica spicca Arnold Schoenberg, il cui zelo è testimoniato in questo frangente sia dall’opera, sia dall’attività didattica e trattatistica.

Información adicional

Año

2007

Autores/intérpretes/agentes

Antonio Eros Negri

Orquestación

Guitarra

Soporte

Puntuación en PDF

Tipología

Valoraciones

No hay valoraciones aún.

Sé el primero en valorar “Canone infinito (chitarre)”

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

es_ESEspañol
Comparte esto